GRANFONDO FARA SAN MARTINO @2016

PRESENTAZIONE

Il gruppo ciclistico CICLOCLUB HOTEL DEL CAMERLENGO di Fara San Martino organizza per DOMENICA 10 GIUGNO 2018 la 20° edizione della Gran Fondo Fara San Martino, gara ciclistica riservata ad amatori che si svolgerà su due percorsi: uno corto, di 100 km e uno lungo, di 125 km, aperti a tutti gli enti della consulta.

La manifestazione sarà valida quale prova del Centro Italia Tour e Prova del Campionato Nazionale Amatori UISP.

 

L'occasione, oltre che per l'aspetto puramente sportivo e agonistico, si caratterizza per lo scopo di diffondere e valorizzare la conoscenza dei luoghi del Parco Nazionale della Majella e delle valli attraversate, quelle dei fiumi Aventino e Verde, affluenti del Sangro.

Questa edizione prevede un tragitto rinnovato, che torna a distendersi a cavallo della due vallate dei Fiumi Sangro e Aventino, sfidando la bellezza incontaminata del Colle Pidocchio a monte di Montenerodomo, tra valli panoramiche e boschi di faggi, tra centri storici e strade tortuose. Il percorso si snoderà completamente nel cuore del territorio del Parco Nazionale della Majella, attraversando vere e proprie valli incantate toccando i centri di Fara San Martino, Casoli, Selva di altino, Piane d’Archi, Bomba, Colledimezzo, Villa Santa Maria, Fallo, Civitaluparella, Montenerodomo, Torricella, Lettopalena, Taranta Peligna, Lama dei Peligni, Civitella Messer Raimondo e Fara San Martino. A chi avrà scelto il lungo sarà richiesto di affrontare le “tagliate di Palena” in salita e poi giunti a Palena di nuovo Lettopalena, Taranta, Lama e arrivo.

Ai partecipanti viene offerta la possibilità di godere paesaggi insoliti e spesso dimenticati, nei quali domina ancora una dimensione culturale e umana che ha conservato intatti i principi del rispetto della tradizione e degli ambienti. 

 

Le valli attraversate dalla gara, si presentano come vere e proprie "valli incantate" ricche al loro interno di spunti archeologici, centri storici perfettamente conservati, eremi di montagna e castelli medievali, grotte e laghi naturali, colline verdissime, fitte pinete e boschi secolari, il tutto ingentilito dalla genuina ospitalità degli abitanti, che non faranno mancare il loro solito e proverbiale calore. ​La vocazione prettamente paesaggistica del territorio ci suggerisce di invitare al suo interno il visitatore, in modo che ne diventi parte integrante cogliendone tutte le opportunità di svago e arricchimento interiore.

​Da non perdere le Gole di San Martino, le Sorgenti del Fiume Verde e l’Abbazia di San Martino in Valle a Fara San Martino, le Grotte del Cavallone a Lama dei Peligni, l'eremo "Madonna dell'Altare" a Palena, il Castello Ducale e il Lago di Casoli, oltre a centri tanto piccoli quanto caratteristici quali Fallo, Civitaluparella e Montenerodomo. 

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now